Il vuoto con il 70% in meno di consumo energetico

Da più di cento anni gli antipasti e i prodotti gastronomici sono la specialità di Feinkost Dittmann. Nel sito produttivo di Taunusstein in Germania, svariati prodotti vengono confezionati sotto vetro o come prodotti freschi in vaschette di plastica. Da più di un anno il vuoto per le macchine confezionatrici viene generato da un sistema per vuoto centralizzato di Busch. Questa tecnologia del vuoto è molto più economica della precedente. Solo il consumo energetico è stato ridotto di più del 70%.

I prodotti nel cosiddetto "reparto dei cibi freschi" del sito di produzione di Taunusstein vengono confezionati in vaschette di plastica. Durante questo processo, l'aria viene aspirata dalle vaschette prima che una miscela di gas protettivo di CO2N2 venga aggiunta alla confezione. In seguito, vengono utilizzate lamine in materiale sintetico per dare all'imballaggio una chiusura a tenuta di gas prima del confezionamento tramite un ulteriore coperchio di plastica. Questo genere di confezione garantisce che il contenuto di ossigeno sia sotto l'1%, grazie alla rimozione dell'aria e all'utilizzo di gas protettivo nella confezione, cosa questa che aumenta notevolmente la conservazione degli alimenti. La presentazione del prodotto in confezione trasparente rappresenta una soluzione ideale: la lamina infatti né entra in contatto col prodotto né lo schiaccia in presenza di pressione negativa nella confezione.

Per il confezionamento vengono utilizzate, in totale, quattro macchine termosigillatrici in due turni. Il vuoto necessario per questa operazione è generato da sei pompe per vuoto rotative a palette lubrificate ad olio, ciascuna con 5,5 kilowatt di potenza del motore che originariamente erano installate direttamente nelle macchine confezionatrici. Per ragioni igieniche e per ridurre il carico termico nei reparti di produzione, queste pompe per vuoto sono state installate successivamente in reparti separati sopra quelli di produzione e connessi alle macchine tramite una rete di tubazioni. Andreas Lutz, responsabile del progetto tecnico nello stabilimento di produzione, non era molto soddisfatto di questa soluzione, in quanto le pompe per vuoto necessitavano di un alto livello di manutenzione. Inoltre, fluttuazioni o guasti all'interno del circuito del vuoto venivano notati solo se una delle macchine confezionatrici mostrava un messaggio di errore e si spegneva automaticamente quando il livello del vuoto necessario non veniva raggiunto rapidamente o del tutto. Questo causava ripetuti tempi di inattività sulle singole linee di confezionamento.


Nel 2013, Andreas Lutz contattò gli specialisti del vuoto di Busch alla ricerca di una soluzione più affidabile ed efficiente. Allo stesso tempo, bisognava integrare la rete di tubazioni esistente continuamente in funzione. Inoltre, l'alimentazione del vuoto doveva essere progettata in maniera tale da poter collegare ulteriori macchine confezionatrici qualora la capacità di produzione fosse aumentata. Busch analizzò le condizioni in loco e tutti i parametri tecnici nel dettaglio e lavorò a stretto contatto con i responsabili del progetto di Feinkost Dittmann e i laboratori presenti in sede. Il risultato di questa analisi e di una serie di consultazioni fu un sistema per vuoto centralizzato con quattro pompe per vuoto a lobi Mink.


Sistema centralizzato per vuoto con pompe per vuoto a lobi Mink di Busch

Queste ultime hanno il vantaggio di non utilizzare un fluido operativo come l'olio nella camera di compressione, rendendo superflui tutti i lavori di manutenzione come i controlli e il cambio dell'olio e del filtro dell'olio, i costi relativi all'approvvigionamento e allo smaltimento dei due. Le pompe per vuoto a lobi Mink funzionano senza contatto; le parti presenti nella camera di compressione non entrano in contatto meccanico e quindi non si usurano. In questo modo la sostituzione delle parti usurate e le ore di lavoro e i costi ad essa associati risultano superflui. Il metodo di funzionamento senza contatto della tecnologia per il vuoto a lobi permette inoltre un elevato grado di efficienza e richiede meno potenza del motore rispetto alle pompe per vuoto convenzionali.

Questo sistema per vuoto centralizzato è stato installato alla fine del 2013. Tre serbatoi di vuoto con un volume di 3.000 litri ciascuno sono a monte delle pompe per vuoto a lobi Mink. Questo assicura la disponibilità immediata dei livelli di vuoto sufficienti per i macchinari in caso di bisogno.

In precedenza, tutte e sei le pompe per vuoto rotative a palette erano in funzione mediamente 15 ore al giorno. Nel nuovo sistema centralizzato, le pompe per vuoto a lobi Mink sono controllate in modo tale da far entrare in funzione solo quelle effettivamente necessarie alle reali esigenze di vuoto.

Due delle pompe per vuoto con motori standard sono responsabili del cosiddetto carico base, le altre due sono controllate con inverter e garantiscono una migliore regolazione delle esigenze di vuoto grazie all'adeguamento della loro velocità. Con questa soluzione intelligente, la capacità di aspirazione del sistema centralizzato per il vuoto si adatta perfettamente alle esigenze del momento.

Questi controlli riducono sensibilmente i tempi di funzionamento effettivi delle singole pompe per vuoto perché, durante il normale funzionamento, tutte e quattro le pompe per vuoto non hanno mai bisogno di operare a pieno regime. Quindi, il sistema di vuoto centralizzato di Feinkost Dittmann ha riserve di potenza sufficienti per poter connettere ulteriori macchine confezionatrici. C'è un progetto per collegare un'addizionale macchina per sottovuoto per conserve sotto vetro; così facendo si eliminerebbe l'impiego della pompa per vuoto ad anello liquido in uso da 7,5 kW ottenendo ulteriori risparmi energetici.

Dopo più di due anni di attività, il responsabile del progetto Andreas Lutz è estremamente soddisfatto dei risultati:

  • Fabbisogno energetico ridotto di più del 70%
  • Notevole riduzione degli interventi di manutenzione
  • Aumento dell'affidabilità
  • Nessun guasto o usura


La manutenzione del nuovo sistema centralizzato per vuoto viene eseguita da tecnici di Busch. Tuttavia, si limita a misurazioni annuali della pressione finale e del consumo di corrente in ciascuna delle singole pompe per vuoto così come alla sostituzione dei filtri e al cambio dell'olio della scatola ingranaggi.

Informazioni su Feinkost Dittmann
La storia di Feinkost Dittman (Reichold Feinkost GmbH) ha inizio nel 1901, quando Carl Dittman aprì un'azienda gastronomica a Wiesbaden in Germania. Oggi, Feinkost Dittmann è leader nel mercato tedesco per olive, antipasti, capperi, aglio e specialità con acciughe oltre ad essere il marchio di specialità gastronomiche più popolare nel mercato commerciale tedesco. L'azienda a conduzione familiare ha sede in Germania, a Diez vicino Limburg an der Lahn. Lo stabilimento di produzione tedesca è a Taunusstein nei pressi di Wiesbaden, dove un totale di 320 dipendenti produce diverse specialità di antipasti: dalle olive, alla feta, dall'aglio al pepe fino ai pomodori secchi e tante altre prelibatezze, che vengono poi inviate a catene di negozi nazionali ed internazionali di vendita al dettaglio e discount sotto i diversi marchi dell'azienda. L'azienda di famiglia attualmente esporta le sue diverse specialità in oltre 30 paesi in tutto il mondo. Feinkost Dittmann produce anche specialità gastronomiche presso i suoi impianti in Spagna, Grecia e Turchia.

Stabilimento di produzione di Feinkost Dittman a Tanusstein


Categorie
Desidera maggiori informazioni?
Ci contatti direttamente(Busch Svizzera):
+41 (0)61 845 90 90 Si metta in contatto